Il kimchi è senza dubbio uno dei piatti coreani più famosi, che sta guadagnando popolarità anche in altre parti del mondo. Questo piatto deve la sua fama principalmente alla sua influenza benefica sulla salute e al suo caratteristico sapore aspro e piccante. Scopri perché vale la pena includere il kimchi nel tuo menu e come preparare questa prelibatezza coreana a casa.

Il kimchi è una verdura fermentata con spezie e vari additivi. Il piatto è stato creato nel 7° secolo e originariamente veniva preparato solo con le rape. Era caratterizzato da un caratteristico sapore salato-acido. Con il passare del tempo altri ingredienti cominciarono ad essere usati nella preparazione del kimchi, come il pak choy, il cavolo cinese e i peperoncini, che rendevano il piatto più piccante.

Attualmente possiamo distinguere più di 200 tipi di kimchi. Il più popolare è il baechu kimchi, composto da fiocchi di peperoncino, cavolo cinese, zenzero, cipollotto e aglio. Spesso si aggiungono anche salsa di soia, semi di sesamo e glutammato monosodico. Il kimchi è perfetto come antipasto indipendente o come contorno. Vale la pena notare che il modo tradizionale di fare questo piatto è stato iscritto nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO.

Kimchi – componenti nutrizionali

Il kimchi è una ricca fonte di vitamine A, B6, C e K. Inoltre, questo piatto contiene almeno 34 aminoacidi e 10 minerali diversi, tra cui magnesio, potassio e fosforo. Anche se il kimchi può essere preparato da diversi ingredienti in diversi modi, si presume che la versione tradizionale contenga in 150 g:

  • 4 g di carboidrati;
  • 2 g di proteine;
  • meno di 1 g di grasso.

Proprietà salutari del kimchi

C’è una ragione per cui il kimchi è considerato uno dei piatti più sani del mondo. Queste verdure fermentate sono una ricchezza di nutrienti preziosi. Il kimchi è un probiotico naturale, ricco di ceppi benefici di batteri lattici, grazie ai quali digeriamo più facilmente e il nostro intestino funziona meglio. Inoltre, il consumo di kimchi contribuisce all’inibizione dei microrganismi patogeni e rafforza l’immunità. Quali altri benefici per la salute si ottengono mangiando questo piatto?

Abbassa il livello di colesterolo. I nutrienti contenuti nel kimchi, tra cui il selenio e l’allicina, aiutano a ridurre il livello di colesterolo cattivo LDL nel corpo. Inoltre, queste sostanze aiutano a ridurre il rischio di ictus e infarto.

Influenza beneficamente la vista. In 100 g di kimchi c’è fino al 18% del fabbisogno giornaliero di vitamina A. È una vitamina che, oltre ad avere un effetto positivo sull’organo della vista, aiuta anche ad eliminare l’effetto dei radicali liberi, ritarda i processi di invecchiamento cellulare ed è un forte antiossidante.

Rafforza i capelli e le unghie. Il kimchi è ricco di selenio. Grazie a questo componente i capelli acquistano lucentezza, mentre le unghie diventano più forti, meno suscettibili di spaccarsi.

Raccomandato per le diete dimagranti. 100 g di kimchi hanno solo 40 kcal. È un piatto ipocalorico che può essere mangiato senza preoccuparsi della linea. Inoltre, la capsaicina contenuta nei peperoncini (uno degli ingredienti principali del kimchi) supporta il metabolismo.

Protegge dalle ulcere allo stomaco. Il kimchi è ricco del batterio Leuconostoc Mesenteroides, che contribuisce alla formazione delle destrine. Le destrine bloccano la crescita dell’Helicobacter pylori e prevengono così la comparsa delle ulcere.

Rafforza il fegato. Gli studi hanno dimostrato che il kimchi ha un effetto positivo sulla funzione epatica, migliorando il processo di disintossicazione. I sottaceti riducono anche il grado di steatosi di questo organo.

Controindicazioni al consumo di kimchi

Il kimchi non dovrebbe essere mangiato da persone che hanno problemi con l’apparato digerente, soffrono di ulcere, malattie da reflusso o sindrome dell’intestino irritabile. Inoltre, questo piatto non è raccomandato per le donne che allattano. A causa del suo alto contenuto di sale, il kimchi dovrebbe essere evitato anche dalle persone con la pressione alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *